Eccoci!

Avevo scritto un post per dire che andava tutto bene ma i dettagli li avremmo sbloggati con calma che dovevamo dormire… senonchè ci siamo addormentati prima di inviare, e allora vediamo di fare le cose perbene una volta e per tutte.

Valerio Amedeo è nato nel giorno in cui si presumeva che nascesse, dopo che la sua mamma e il suo papà, delusissimi dal fatto che il metodo dinduzione naturale preferito avesse portato solo una violenta botta di mal di schiena nel cuore della notte e poi più niente, si sono strafocati di pasta alla norma piena di origano che non centra assolutamente niente con  le melanzane ma mica è colpa nostra se è cosi che fanno le melanzane alla parmigiana nel ristorante americano che fa sgravare le puerpere. Dopodichè, siccome nemmeno linizio del pomeridiano di Amici aveva portato ispirazione, se ne sono andati a cercare i funghi (e li hanno pure trovati).

E fu cosi che alle venti e trenta la laura, comodamente accomodata nella sala da pranzo dei suoceri e intenta a scofanarsi un risotto mare e monti che mannaggia se poi lha digerito, sente la sua pancia fare SBLUB e distinto pensa "speriamo di averlo sentito solo io questo brutto rumore della mia pancia" un secondo prima di trovarsi in ammollo nelle acque. Bleah.
Ma io dico, poteva anche succedere a fine cena, no? Mannaggia.

Comunque, escluso un primo momento di panico al pensiero di andare in ospedale ad aspettare un travaglio che poteva anche non partire cosi presto, ci abbiamo messo relativamente pochissimo (sei ore dalla rottura delle acque!) perchè ho un bimbo furbissimo che è stato MOLTO più attento di me ai corsi preparto: lui ha fatto tutto perfettamente giusto, io nonostante sei mesi di yoga non sono manco riuscita a respirare in modo degno!
(però ho scoperto che so fare benissimo la voce degli spiriti cattivi dellEsorcista, pensavo fosse una roba finta di Senti Chi Parla e invece!).

Escludendo noi tre, che siamo stati supereroi superbravissimi, i personaggi significativi dellevento sono stati:

– la ginecologa sadica e molto probabilmente vergine, che ha dichiarato che "evidentemente lei non ha ancora abbastanza male, quindi è ovvio che, tenendo conto che cè scritto che bisogna partorire nel dolore, vedrà che manca ancora un sacco di tempo".

– linfermierona grossa e burbera che alla fine ha fatto la magia di farci arrivare in sala parto per tempo, ma nel frattempo ha rischiato di vedersi nascere un bambino in mezzo al corridoio del reparto (perchè se la mamma non urla non ha abbastanza male e se non ha abbastanza male non fa abbastanza bimbo, bisogna che mi laureo in ginecologia una di queste settimane).

– La baby-ostetrica che quando ho visto una ventenne in sala parto mi è preso uno scompenso invece poi è stata MEGABRAVISSIMA e non finiremo mai di ricordarla nelle nostre preghierine.

– lostetrico checca che per carità, noi siamo gay-friendly e zero sessisti, ma se ci viene a dire che Denis non può stare con me ad assistermi in travaglio perchè la presenza di un uomo di notte potrebbbe turbare le altre degenti… ci viene spontaneo domandargli se non ha pensato la stessa cosa di sè stesso, quando ha scelto la specializzazione.

– La compagna di stanza poverina che era già li tutta sola da due giorni con le contrazioni ogni 4 minuti e di cui possiamo solo sperare che nel frattempo abbia partorito… che se penso a quante storie ho sentito in questi mesi di donne a cui linduzione o il cesareo sono stati imposti senza un valido motivo, vedere una donna che viene lasciata patire per giorni implorare un cesareo ed essere lasciata li… no comment!

Considerazioni finali:

– Non è niente vero che i dolori del parto si dimenticano!!! Ouch!

– Come da previsioni abbiamo fatto la dimissione precoce e siamo già a casa perchè il tipo di assistenza che ci hanno propinato in ospedale ci ha fatto schifo. E non, come credevo io, per un discorso di folla o di igiene. Non erano ancora le sette del mattino quando mi è uscito per la prima volta il pensiero "meglio star male a casa mia che assistiti da voialtri". Peccato non aver calcolato che a casa mia si sarebbe fiondata mia madre a trasformare una giornata faticosa in un vero incubo LOL

– non ci siamo portati la macchina fotografica in sala parto, e cosi non saprete mai che effetto fa Denis con il bimbo in braccio. Ma forse non sarebbe bastata la foto, e quindi lo so io e tanto basta 😀

– Voi per ora beccatevi questa:

<!–

–>

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...